Caffè avanzato: si può riscaldare oppure no?

Caffè avanzato: si può riscaldare oppure no?

Si può riscaldare il caffè avanzato o dovremmo invece buttarlo? Questa la domanda che in tanti si pongono e alla quale cercheremo di dare una risposta.

Abbiamo del caffè avanzato dalla mattina che non vorremmo buttare, ma lo si può riscaldare (magari nel microonde) e consumare in un secondo momento o si tratta di una pratica dannosa per la salute? Gli estimatori della bevanda staranno storcendo il naso (il caffè va bevuto bollente in una tazza di porcellana riscaldata in modo da evitare la dispersione di calore) ma in effetti sarebbe meglio evitare di riscaldare il caffè vecchio di qualche ora.

Il caffè, infatti, è composto per il 28% da materiale solubile (carboidrati, zuccheri, acidi) che dona sapore e aroma al caffè e dal 72% da piccole particelle insolubili in acqua che danno “corpo” alla bevanda. A distanza di qualche ora dalla preparazione del caffè le proprietà della miscela si perdono e la bevanda cambia il proprio sapore. Inoltre, riscaldandolo, assumere un retrogusto amaro che molti trovano sgradevole.

Ma non è solo l’alterazione del gusto a doverci far desistere. Infatti l’acido clorogenico contenuto nel caffè, se riscaldato, si scompone in acido caffeico e acido chinico che in alte concentrazioni possono provocare bruciori di stomaco.

Come riutilizzare il caffè avanzato?

Buttare via del caffè già preparato e rimasto intonso nella moka rappresenta uno spreco, soprattutto se si tratta di caffè di alta qualità, magari acquistato nel nostro shop online. Il caffè si può quindi riciclare, diluendolo oppure combinandolo con altri ingredienti. Ecco alcune soluzioni:

  • Prepara un dolce. Ci sono moltissime ricette che prevedono il caffè come ingrediente – dal più noto tiramisù a buonissimi budini o plumcake. Con un po’ di fantasia e l’aggiunta di qualche ingrediente possiamo evitare di buttare il caffè avanzato e ricavarci un ottimo dessert.
  • Consumarlo freddo. Perché non preparare una deliziosa granita al caffè o un ottimo caffè freddo shackerato?
  • Diluirlo con altri ingredienti. Se proprio non volete rinunciare ad una bevanda calda, potete preparare un caffellatte o un cappuccino (riscaldando il latte e mescolandolo col caffè freddo)

Insomma, ci sono tanti modi per evitare gli sprechi… e mantenere intatto l’aroma originale del caffè!